Crostata alla frutta

  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tutte le volte che mi accingo a fare una torta difficile, magari di cake design, mia mamma amante della cucina tradizionale, mi dice sempre che dovrei fare una bella crostata di frutta fresca. Specialmente se si tratta della torta di compleanno di un bambino. Dice che è più sana, più genuina, più buona, ecc. ecc.; e probabilmente vorrebbe dirmi che è più buona.

Ecco, in questi giorni non ho nessuna festa di compleanno in vista, però, soprattutto nel vedere la torta che una mia amica aveva preparato per la loro festa di compleanno, mi è venuto un languorino allo stomaco, e mi sono finalmente decisa a preparare una buona crostata alla frutta.

E chiaramente, visto che la foto della loro torta di compleanno era alle fragole, ho voluto proprio fare la stessa torta. Morivo dall’invidia, ma soprattutto dalla voglia di mangiare una fetta di crostata alle fragole.

Crostata alla frutta

La crostata alla frutta è un classico che non tramonta mai. Io ieri ho preparato una bella crostata con le fragole, ma si possono fare crostate con tutti i tipi di frutta che desiderate: la crostata con i lamponi, o una crostata con kiwi banane e fragole, o una crostata ai frutti di bosco, per fare qualche esempio.
Io per questa torta ho usato uno stampo da 20-21 cm di diametro, ma è possibile fare le crostate di qualsiasi dimensioni. Potete cuocerne anche più insieme (magari piccoline) e divertirvi a finirle con tipi di frutta diverse. A prescindere dalla dimensione dello stampo, consiglio sempre stampi con base removibile.
Prep Time50 mins
Cook Time20 mins
Resting Time45 mins
Total Time1 hr 10 mins
Course: Dessert
Cuisine: international
Servings: 12 people

Ingredients

  • frutta fresca di stagione
  • 1 bustina di gelatina in polvere

Pasta frolla per crostate

  • 250 g farina 00
  • 1 pizzico sale
  • 70 g zucchero
  • 1/2 scorza grattugiata di limone
  • 125 g burro a temperatura ambiente se lavoro l’impasto a mano, di frigorifero se uso un robot
  • 2 tuorli di uovo

Crema pasticcera

  • 500 ml latte
  • 6 tuorli di uovo
  • 150 g di zucchero
  • 60 g farina 00
  • 1 scorza di limone extra – a piacere
  • 12 bustina di vanillina extra – a piacere

Instructions

Preparo la pasta frolla

  • Metto in un recipiente la farina, un pizzico di sale, lo zucchero, la scorza grattugiata del limone e amalgamo. Poi aggiungo (al centro) il burro fatto a pezzettini e i tuorli d’uovo ed amalgamo finché l’impasto non assomiglia alla sabbia.
    Se lavoro l’impasto a mano utilizzo le punte delle dita.
  • Formo una palla sul ripiano di legno schiacciando più volte l’impasto con le mani. Se ho problemi nel formare la palla mi bagno le mani con acqua fredda e provo nuovamente.
    Ricopro l’impasto con la pellicola per alimenti e lo metto in frigo per almeno 1/2 ora.

Finisco la crostata

  • Lavoro la pasta frolla con le mani (all’inizio sarà molto dura), e facendo attenzione a tenere un po’ di pasta frolla da parte, stendo il resto su un ripiano in legno infarinato con l’aiuto di un mattarello.
  • Preriscaldo il forno a 200 gradi. Stendo l’impasto nello stampo, bucherello l’impasto con la forchetta e poi ricopro con un foglio di alluminio e con un po’ di fagioli secchi. 
    Cuocio per 20 minuti. Lascio raffreddare la crostata sopra una grata, e la rimuovo dallo stampo solo quando è fredda.

Preparo la crema pasticcera

  • Metto il latte (e volendo la buccia del limone) nella pentola e lo porto a ebollizione (spengendo subito).
  • Metto in un recipiente i tuorli e lo zucchero e li monto con lo sbattitore elettrico. Poi aggiungo la farina (e volendo la vanillina) e amalgamo. Aggiungo il latte (eliminando con un colino la scorza di limone) e riporto il tutto sul fuoco a bassa temperatura, avendo cura di mescolare continuamente il composto.
  • Faccio cuocere la crema per circa 7-8 minuti a fuoco bassissimo.
    Crema pasticcera

Finisco la torta

  • Quando sia la crostata che la crema sono a temperatura ambiente, aggiungo la frutta fresca (eventualmente tagliata) a mio piacimento.
    Poi spennello con la gelatina preparata al momento e lasciata raffreddare un paio di minuti.
    Metto il tutto in frigorifero.
    Kiwi Fragole Banane

Notes

Dice l’Artusi: la pasta frolla, con il tempo, frolla, ed è più buona un paio di giorni dopo averla cotta.
Per fare raffreddare la crema: la metto in un vassoio largo coperta da pellicola per alimenti che deve essere a contatto con la crema.

P.S. Pensate che le crostate, specialmente quelle di frutta, sono fra i pochi dolci alla forchetta che il galateo ammette a fine pasto, infatti di regola di dovrebbero proporre dolci al cucchiaio.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *