fagioli toscani

I super classici fagioli toscani

Leggi il disclaimer della categoria Ricette del cuore ♥♥♥


Io non capisco come mai tutti continuano a dire “come si mangia bene in toscana”!

Si certo si mangia bene, ma non è che sia difficile cucinare da “toscano”. Sono piatti facilissimi a fare e che non impiegano neanche troppo tempo.

Prendiamo i fagioli toscani per esempio, è sufficiente bollirli con qualche attenzione, e son pronti. Banale no?

Inoltre i fagioli fanno anche bene alla salute, perché i legumi aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo (e inoltre essendo proteine limitano un consumo eccessivo di carne!)

Circa 130 grammi di legumi ogni giorno ridurrebbero del 5 per cento il colesterolo LDL e questo si tradurrebbe in un calo del 5-6 per cento del rischio cardiovascolare complessivo.

(Cit: http://www.corriere.it/salute/cardiologia/14_giugno_23/fagioli-invece-carne-colesterolo-scende-17772ac6-fabe-11e3-a232-b010502f9865.shtml)

I super classici fagioli toscani
Ingredienti per 4 persone:
  • Fagioli cannellini freschi: 1 kg (pesati con la buccia)
  • Una foglia di salvia e uno spicchio di aglio
  • Olio extravergine di oliva, sale e pepe nero da macinare al momento.

Cosa mi serve:

  • Pentola capiente e schiumarola per tirare su i fagioli una volta cotti

Cosa devo fare:

  • Metto i fagioli sbucciati in una pentola di acqua (facendo attenzione all’acqua che deve essere abbondante), aggiungo un po’ di olio, una foglia di salvia e uno spicchio di aglio schiacciato.
  • Faccio cuocere per circa trenta minuti, dopo di che rimuovo la salvia e l’aglio. A questo punto posso salare i fagioli.
  • Al momento di servire, aiutandomi con una schiumarola, tiro su i fagioli (lasciando i fagioli in eccesso nella pentola). Condisco con olio e pepe nero macinato al momento.

Il giorno dopo: si scaldano leggermente i fagioli (che ho tenuto in frigorifero nella loro acqua) e poi si tirano su con la schiumarola.

Fagioli lessi
fagioli toscani

Con questa ricetta partecipo al contest sul colesterolo indetto dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II.
Contest colesterolo