interno ravioli malfatti

Malfatti

Leggi il disclaimer della categoria Ricette del cuore ♥♥♥

I malfatti è uno dei piatti che mi è sempre piaciuto, fin da quando ero piccola. Mi è capitato a volte di mangiarli fuori, in qualche osteria, ma devo dire che spesso il risultato è deludente perché a me piacciono con il minimo indispensabile di farina possibile.

La ricetta che vi propongo è quella che da sempre usiamo in famiglia per farli.

Purtroppo a volte rinuncio a preparare i malfatti per la fatica di dovere lavare e pulire gli spinaci, così l’ultima volta che li ho preparati ho ricorso agli spinaci surgelati ed è secondo me un ottimo compromesso. In questo caso infatti si riesce a prepararli in meno di mezz’ora, e il gusto non ne risente particolarmente.

Per quanto riguarda il condimento, a me i malfatti piacciono con la panna, ma per chi vuole una versione più light, è possibile condirli con un sugo al pomodoro.

Dimenticavo, si chiamano malfatti perché sarebbero l’interno dei ravioli. Sono quindi in certo senso dei ravioli fatti male (ma buonissimi).

Malfatti

Ingredienti per 4 persone:
  • Spinaci: 1 kg. di spinaci freschi
  • Ricotta fresca (vaccina): 300 g.
  • Parmigiano reggiano: 100 g.
  • Uova: 1
  • Noce moscata
  • Sale fino
  • Per condire: burro, una confezione di panna a lunga conservazione e parmigiano reggiano

Cosa altro mi serve:

  • Una pentola per cuocere gli spinaci freschi.
  • Scolapasta
  • Recipiente per amalgamare gli ingredienti
  • Pentolino per scaldare la panna
  • Grattugia
  • Schiumarola per tirare su i malfatti

Cosa devo fare:

  • Lesso gli spinaci, li scolo, li taglio con un coltello, e li metto in un recipiente dove aggiungo la ricotta e il parmigiano reggiano, amalgamando il tutto. Aggiungo l’uovo, un po’ di sale e di noce moscata grattugiata e amalgamo bene.
  • Metto un po’ di farina sulla spianatoia e, con cucchiaio prelevo un po’ di impasto, e vado formare con le mani delle palline che io schiaccio un po’ per dare una forma più allungata (malfatti)
  • In un pentolino scaldo la panna, dove ho aggiunto un po’ di burro. Gratto il parmigiano reggiano.
  • Porto a bollore una pentola di acqua, aggiungo un po’ di sale grosso, e delicatamente ci immergo i malfatti. Quando vengono a galla, li levo con l’aiuto di una schiumarola e li metto nei piatti, aggiungendoci sopra la panna e un po’ di formaggio grattugiato.

Per abbreviare i tempi: usare circa 800 grammi di spinaci surgelati che devono essere cotti come dalle istruzioni riportate sulla confezione (spesso in padella)
Per un condimento più light: preparate un sugo al pomodoro

MalfattiMalfatti
interno ravioli malfatti